Accesso ai servizi

GUIDA TURISTICA

La Chiesa Collegiata di S. Gaudenzio

La Chiesa Collegiata di S. Gaudenzio


Entrando nella piazza principale della città, intitolata a re Vittorio Emanuele II, lo sguardo è immediatamente catturato dalla monumentale Collegiata di San Gaudenzio, che sorge su un promontorio roccioso. L’edificio, che domina dall’alto, è collegato alla piazza sottostante da un’ampia scalinata ed è circondato da un arioso loggiato costituito da 28 archi sorretti da colonne. E' probabile che il nucleo risalga all’Alto Medioevo, quando in tutta la diocesi andava diffondendosi il culto di San Gaudenzio, primo vescovo di Novara. Alcuni storici hanno avanzato l’ipotesi che un primitivo edificio fosse sorto su un luogo di culto pagano, altrimenti non si spiegherebbe, secondo costoro, la scelta di un luogo così impervio, circondato da boschi e di difficile accesso, per costruirvi una chiesa. Sappiamo che fin dal 1248 l’edificio era dotato di un portico, tuttavia è solo a partire dalla fine del secolo XVI che, grazie alle fonti iconografiche (come la xilografia compresa nella Guida del Sacro Monte, fatta stampare dai fratelli Ravelli nel 1589) e documentarie (soprattutto i verbali delle visite pastorali), s’incomincia ad avere un'idea precisa sulle dimensioni della chiesa. L’edificio fu ampliato e ristrutturato tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, poiché non era più in grado di accogliere tutti i fedeli che assistevano alle funzioni liturgiche. E’ solo dai primi decenni del Settecento che la Chiesa, eretta in collegiata nel 1669. subì una radicale trasformazione, voluta e pianificata dal prevosto Benedetto Ludovico Giacobini, che prese possesso della parrocchia varallese nel 1705.
Per tutto il secolo XVIII la chiesa si trasformò in un immenso cantiere e numerosi artisti e artigiani lavorarono alacremente per completare il grandioso progetto del Giacobini, che venne realizzato con il generoso contributo di numerosi benefattori, tra cui spicca la figura della principessa Maria Cristina Ferrero Fieschi di Masserano.

Per gli orari delle S. Messe si visiti il sito della Parrocchia di Varallo: www.parrocchiavarallo.it






Comune di Varallo, Corso Roma, 31 (Villa Durio)
13019 Varallo (VC) - Telefono: 0163/562711 Fax: 0163/51826
C.F. 00176400026 - P.Iva: 00176400026
   E-mail certificata: comune.varallo.vc@legalmail.it
   Pec D.P.O.: dpocomune@pec.it
Ulteriori dati D.P.O.: Dott. Zeno Moretti