Accesso ai servizi

LE SLIDES DELL'INCONTRO DEL 26 MAGGIO 2018 SULLA SFIDA DELLO SMARTPHONE E DEI SOCIAL


LE SLIDES DELL'INCONTRO DEL 26 MAGGIO 2018 SULLA SFIDA DELLO SMARTPHONE E DEI SOCIAL


Nel pomeriggio di sabato 26 maggio, a Varallo presso il Centro Congressi di Palazzo D’Adda, si è tenuto l'incontro organizzato assieme da Comune e Parrocchia sul tema “Educare oggi: la sfida dello smartphone e dei social. Quali pericoli per bambini e ragazzi dai nuovi strumenti di comunicazione”. L’incontro ha visto la partecipazione di numerosi genitori spesso accompagnati dai loro bambini, che sono stati intrattenuti con vari giochi da alcuni giovani della Parrocchia.
Relatore il professor Gianni Bona, primario emerito del Reparto di pediatria dell’Ospedale di Novara, dove ha lavorato per ventisette anni svolgendo anche attività di docente presso il Dipartimento di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, e Vice Presidente nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (realtà che da vari anni è in prima linea nel segnalare la gravità di questi problemi).
Introdotto dall'Assessore Pamela Negri il professor Bona ha sviluppato il suo intervento mettendo in luce i molteplici rischi connessi a un utilizzo precoce e assiduo dello smartphone e dei social: ha in particolare sottolineato la pericolosità di “un esordio in età pressoché infantile, quando non si ha la necessaria maturità psicologica per poter utilizzare strumenti di comunicazione così potenti e insidiosi anche ad età ben più mature”.
I vantaggi che possono derivare da queste tecnologie, come aver accesso a molte più informazioni rispetto al passato e disporre di una maggiore opportunità di contatti, non compensano certo i tanti danni che strumenti di questo genere possono causare: effetti negativi sulla vista (per via della luce blu rilasciata dagli schermi), sul cervello, sul collo (a causa della postura innaturale), sulla durata e sulla qualità del sonno, sulla concentrazione a scuola e sull’apprendimento; alta incidenza di obesità e depressione; problemi relazionali; esposizione a contenuti e contatti non sicuri; compromissione della privacy; caduta in una serie di dipendenze (come quelle del controllo costante dei messaggi in arrivo, dei giochi online, del saltare continuamente da una pagina web all’altra, della cura ossessiva della propria immagine sui social ecc.).
Dopo aver analizzato i rischi il professore ha indicato ai genitori alcune vie per scongiurare questi pericoli, in particolare suggerendo di elevare l’età dell’accesso a questi strumenti e di porre poi limiti di tempo e di luogo al loro utilizzo.
Sono stati anche mostrati alcuni video sul tema e, dopo qualche domanda da parte del pubblico, l’incontro si è concluso con gli interventi del Sindaco di Varallo, Eraldo Botta, e del Parroco, don Roberto Collarini, che hanno donato al professor Bona il catalogo della Mostra di Gaudenzio e un libro sulla Parete Gaudenziana.
Al termine Parrocchia e Comune hanno offerto un rinfresco a tutti, con l’augurio che simili incontri possano ripetersi in futuro per contribuire a sensibilizzare le famiglie su temi particolarmente importanti come questo.
Ecco le slides che il professor Bona ci ha reso disponibili.

Documenti allegati: